Tartellette con frutta secca al profumo di arancia


Un cuore di pinoli, mandorle, nocciole, noci e pistacchi amalgamati dalla polpa delle prugne e profumato dalle arance è protetto da un involucro di fragrante pasta frolla.


recipe given by our chef at .

ricetta immagine

Ingredients

1,5 kg di pasta frolla

Farina bianca

120 g di burro

1 uovo intero

1 tuorlo d’uovo

1 cucchiaio di fecola

70 g di mandorle sgusciate e pelate

60 g di nocciole sgusciate e pelate

50 g di pinoli sgusciati

50 g di pistacchi sgusciati e pelati

30 g di gherigli di noci

150 g di prugne secche denocciolate

2 arance

Zucchero semolato

70 g di zucchero a velo



These ingredients are able to feed:  22-24 tartellettepersons

Procedure

Preparate 1,5 kg di pasta frolla (seguite la ricetta presente nel nostro sito alla sezione “Preparazioni base”, http://www.tiraccontounaricetta.it/public/Pasta_frolla.asp. ) Mentre la pasta frolla riposa in frigorifero preparate la farcia. Passate al mixer la frutta secca con un cucchiaio di zucchero semolato fintantoché non abbiate ottenuto una farina. Aggiungete, quindi, 80 g di burro fuso a fuoco basso a questa farina che avrete precedentemente messo in una ciotola,  unitevi anche un cucchiaio di fecola, un uovo, le prugne tagliate a pezzettini, la scorza grattugiata di due arance, il succo di una arancio spremuto e lo zucchero a velo. Amalgamate tutto con un cucchiaio di legno e mette il composto ottenuto da parte.

Stendete la pasta frolla su una spianatoia infarinata ed ottenete una sfoglia di circa 4 mm di spessore. Con una parte di questa rivestite degli stampini a forma di fiore (o di qualsiasi altra forma gradiate) Già imburrati ed infarinati. Riempiteli con la farcia e chiudeteli con la sfoglia di pasta frolla restante. Pennellate la superficie delle tartellette con il tuorlo sbattuto di un uovo ed infornatele a 200° C per 25-30 minuti.

Serviteli tiepidi (sono buoni anche a temperatura ambiente) accompagnati con della panna montata ed un bicchiere di vino liquoroso, perfetto il Passito di Pantelleria.



Back to the original version